Diritto allo studio, Grimaldi: indietro non si torna. Trovati 4.550.000di euro, garantito il 100% delle borse

 

Al 1 ottobre l’Edisu ha registrato 11.616 domande, il 12% in più rispetto all’anno passato (10.350). Qualora la tendenza dovesse confermarsi, l’ipotesi è che le domande finali arrivino a essere il 10% in più, con una crescita da 11.444 a 12.777. per questo è apparso subito chiaro che la copertura delle borse 2016/17 avrebbe richiesto risorse extra per mantenere i livelli dell’anno passato sia sul 2016 sia sul 2017.

Durante la discussione in aula del bilancio preventivo e le successive sedute delle commissioni, il Capogruppo di SEL Marco Grimaldi ha segnalato la necessità di raggiungere e mantenere anche per i prossimi anni il 100% della copertura delle borse di studio e la difficoltà dell’Ente a sostenere adeguatamente il livello dei servizi, e quindi l’urgenza di reperire le risorse in fase di assestamento per non intaccare il fondo di riserva.

Oggi, finalmente, l’Assessore al Bilancio ha confermato la disponibilità a stanziare nell’assestamento 4.550.000 euro.Anche per quest’anno la Regione Piemonte conferma l’obiettivo del 100% delle borse di studio agli studenti aventi diritto. 

 “Ho sempre detto che indietro non si torna” – dichiara Grimaldi. – “Siamo contenti che la Giunta abbia accolto il nostro emendamento e rispettato l’impegno. Da giugno abbiamo fatto scorrere le graduatorie e, per la prima volta dai tagli di Cota, abbiamo dato una borsa a tutti gli idonei. Ciò dovrà valere da qui alla fine del nostro mandato, affinché la figura dell’idoneo senza borsa non esista più. D’altra parte, quando abbiamo scelto di rimodulare le fasce Isee e alzare la soglia, sapevamo che il numero degli aventi diritto sarebbe aumentato. Se quella di oggi è senz’altro una buona notizia, rimane sullo sfondo la necessità di trovare la copertura economica per garantire nei prossimi anni anche la stessa qualità degli altri servizi”.