Le Asl smettano di essere una fabbrica di working poor

 

Presentata dal Capogruppo di SEL Marco Grimaldi un’interrogazione urgente in commissione sanità sul nuovo appalto per le pulizie e la sanificazione dell’ospedale Giovanni Bosco, che ha comportato una riduzione delle ore di attività del 40% circa.

Come riscontrato dai sindacati, le carenze del servizio di igiene, pulizia e sanificazione al Giovanni Bosco sono notevoli, certo non a causa dell’indisponibilità degli operatori, costretti anzi a offrire un servizio addirittura maggiorato con ore quasi dimezzate, bensì proprio dall’entità della riduzione delle ore.

Per questo la Filcams Cgil ha chiesto al competente dipartimento di igiene e sanità pubblica un sopralluogo all’ospedale, al fine di verificarne le condizioni.

 “Ancora una volta affrontiamo il tema degli appalti nelle Asl, che sempre più spesso sono all’origine di una dilagante sottoccupazione e di enormi rischi per l’integrità e la tutela della salute dei cittadini.” – dichiara Grimaldi – “Siamo convinti che l’Assessore Saitta interverrà richiamando il direttore dell’Asl To2. Tuttavia, se la situazione non cambierà, saremo costretti a chiedere una commissione di inchiesta sugli appalti nelle Asl,  affinché la mozione n. 229 sulla giusta retribuzione, l’inserimento della clausola sociale e l’applicazione della clausola di trattamenti economici e normativi complessivi di maggior favore per i lavoratori, tra i contratti collettivi nazionali di lavoro stipulati dalle organizzazioni datoriali e sindacali maggiormente rappresentative, sia finalmente applicata in tutti i settori di competenza della Regione.